LOGO.png

BLOG

Sei drives, infiniti profili

La motivazione. Argomento che, sempre più, nelle aziende di ogni tipo sta diventando uno dei protagonisti indiscussi all’interno del mondo dell’organizzazione e della gestione delle Risorse Umane.

Quando parliamo di motivazione non ci riferiamo soltanto a quella sensazione di entusiasmo che ci pervade quando ci sentiamo pronti a intraprendere un’attività, a svolgere un compito, a sviluppare un’azione. Ci riferiamo anche a tutto ciò che ci spinge ad adottare certi comportamenti anziché altri.

Ecco che può diventare strategico per ogni persona, per il team nel suo insieme e per l’intera azienda approfondire la consapevolezza di quali sono i drives che guidano i comportamenti di ogni individuo e della squadra.

 

I drives motivazionali

Ognuno di noi è più o meno sensibile ad alcune spinte motivazionali le quali guidano le scelte comportamentali e gli stili relazionali che vengono adottati. Tutti noi rispondiamo a più motivazioni che agiscono con maggiore o minore frequenza e intensità, tutti noi possiamo rispondere a uno specifico profilo che rappresenta lo stile e le scelte di comportamento.

Secondo il Management Drives – lo strumento che permette a una persona di acquisire la consapevolezza di quali sono le sue principali spinte motivazionali – possiamo identificare sei specifici drives la cui combinazione dà origine a profili personalizzati sui quali è possibile fare riflessioni circa il proprio stile di comportamento e il proprio eventuale percorso di crescita.

Ogni drive è identificato da un colore, in modo da essere facilmente riconoscibile nella lettura del profilo.

 

Giallo

Il Giallo rappresenta la predisposizione all’analisi e alla comprensione; la necessità di sentirsi liberi di pensare e di agire, anche e soprattutto quando le situazioni sono complesse e richiedono un’analisi attenta e approfondita.

In questo colore si ritrova anche il piacere di considerare le questioni all’interno di una visione più ampia, con una predisposizione alla lungimiranza e a una visione volta al futuro.

È quindi l’ambito dello studio e dell’innovazione, del cambiamento cha nasce dall’analisi, della ricerca di comprensione dei significati. Ciò che è già esistente, per il Giallo, è pronto per essere superato. La sua tensione è costantemente proiettata sul futuro.

L’approccio del Giallo è prevalentemente razionale; sente il bisogno di capire prima di agire. Raramente si fa guidare dalle emozioni.

Il suo punto debole può essere, talvolta, focalizzarsi troppo sulla teoria, sui ragionamenti astratti, perdendo di vista l’applicazione pratica.

 

Verde

Questo è il colore della comunicazione, delle relazioni, dell’empatia. C’è una forte attenzione all’altro, con la voglia di capirne emozioni e sentimenti.

Chi è guidato dal Verde, sente il bisogno di condividere, di coinvolgere e di essere coinvolto, di creare scambi di collaborazione reciproca, di mutuo sostegno e aiuto. C’è attenzione al debole e a chi è in difficoltà; c’è la predisposizione a valutare le persone in base alle intenzioni.

Il Verde è in contatto non solo con le emozioni degli altri, ma anche con le proprie emozioni, ed è proprio da ciò che nasce la sua predisposizione alla relazione interpersonale.

Nella comunicazione ricerca costantemente l’armonia e l’uguaglianza; quando si confronta con comportamenti e stili arroganti si trova in difficoltà.

Il punto debole di questo drive può essere rappresentato dalla lentezza che nasce proprio dall’adeguare il passo a chi è più lento, oppure a voler discutere ogni minima decisione con tutto il gruppo.

 

Arancione

Questo drive connota chi è mosso dal senso di competizione, dall’attenzione alla qualità e ai risultati della performance, dall’interesse verso il successo.

L’Arancione ama le sfide ed è sostenuto dal pensiero che, quando si vuole veramente ottenere qualcosa, è più facile riuscirci. È molto focalizzato sull’efficacia delle azioni perché ciò che maggiormente lo interessa sono i risultati e il progresso.

Considera il mondo come un luogo pieno di opportunità da cogliere. La vita senza obiettivi da raggiungere non viene nemmeno presa in considerazione da chi è guidato da questo colore.

L’Arancione apprezza molto il riconoscimento degli altri e quindi ama che i propri risultati siano condivisi col resto del mondo.

Ha uno stile di pensiero flessibile che lo può portare a prediligere talvolta la razionalità, altre volte l’emozione.
La sua spinta verso il successo e la competizione possono sfociare nell’opportunismo e nella scarsa considerazione per chi è più debole. La continua ricerca del successo, può portarlo a non accettare di buon grado le critiche.

 

Blu

Il Blu è il drive delle regole, della chiarezza, delle certezze. Chi ha come drive più forte il Blu è rispettoso e leale nei confronti degli accordi presi; ama l’ordine e i “patti chiari”. Ha un forte senso della giustizia che lo porta a ritenere che le violazioni debbano essere sanzionate.

Ama l’ordine, l’affidabilità, la disciplina. Quando si assume un compito o una responsabilità, si assicura che l’impegno preso sia portato a termine.

Il Blu è persona di organizzazione e desidera che le cose siano fatte, e siano fatte bene. Assegna molto valore all’esperienza dalla quale cerca di trarre il massimo vantaggio per affrontare le questioni di oggi.

Ama e crea stabilità e un clima di calma e certezze. Il suo approccio alle situazioni è perciò di tipo razionale e tende costantemente a ragionare secondo lo schema causa/effetto.

Nella comunicazione preferisce procedere in modo ordinato, seguendo, passo dopo passo, gli step logici. Quando ci si discosta dagli accordi presi, da un ordine del giorno, da una scaletta preventivata, prova una sorta di disagio.

Il rischio è di concentrarsi troppo sui dettagli e di venire percepito come troppo formale e rigido.

 

Rosso

Il profilo che ha una forte componente di Rosso è caratterizzato dal vivere nel presente, prendendo decisioni rapide, a volte impulsive.

Rispetta il potere e, se può, esercita l’autorità. Sostiene il coraggio ed è leale verso le persone che collaborano con lui.
Il Rosso è, di tutti e sei, il drive maggiormente focalizzato sulla forza e sul raggiungimento del potere e del dominio.

È portato allo scontro e al conflitto, anche perché è sempre molto diretto allo scopo di risolvere velocemente le questioni e poter andare oltre.

Il drive Rosso è coraggioso e mostra un certo spirito pioneristico.

Vivendo nel presente, il Rosso è impaziente e veloce. Il suo motto potrebbe essere: “Fatti, non parole”.

I maggiori rischi per un drive Rosso risiedono nella comunicazione, a causa della sua impulsività e della sua insistenza.

 

Viola

Il drive Viola ama creare sicurezza e legami; si sente al servizio delle persone con cui si interfaccia; ama i simboli e le tradizioni ed è rispettoso soprattutto delle regole non scritte, di quelle che provengono dalla tradizione, dalla cultura di riferimento e dai valori condivisi.

Sente un forte attaccamento all’ambiente sociale di cui fa parte e prova l’orgoglio dell’appartenenza. Prevale il senso della socialità a quello dell’individualità.

Il Viola ha visione d’insieme e annette molto valore a qualsiasi tipo di organizzazione, dalla famiglia al team di lavoro; per questo motivo, può essere prezioso per creare un buon clima all’interno di un gruppo.

Il Viola valorizza l’esperienza e le esperienze passate, e da queste trae spunto per affrontare le questioni dell’oggi.

Nella comunicazione, il Viola ama che siano rispettati i riti e che si crei un clima disteso prima di entrare nel vivo del colloquio.

Il rischio di questo drive è di ancorarsi troppo al passato e di identificarsi troppo col gruppo, perdendo un po’ la capacità di autocritica. Apprezza poco chi si discosta dalla squadra con comportamenti o idee fuori dagli schemi.

 

La motivazione del team

Attraverso lo strumento del Management Drives è possibile affrontare non solo il tema della motivazione individuale, ma anche quello relativo alle spinte che motivano il team nel suo insieme; ciò significa avere strumenti e chiavi di lettura utili a supportare e valorizzare le azioni e i comportamenti della squadra. Ma non solo.

Questo strumento può fornire al leader indicazioni utili su come approcciare il suo gruppo in modo efficace e guidarlo verso il raggiungimento degli obiettivi.

Ciò porta sicuramente a risultati di maggiore soddisfazione per tutti, oltre a un conseguente aumento della qualità delle relazioni e della vita professionale e personale di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spiega le vele verso il futuro!

Iscriviti alla newsletter e ricevi tante tips per migliorarti come azienda e come professionista!

disegno barca